Ginocchio

Patologie legate al Ginocchio

Scopri le patologie legate al Ginocchio.

GONARTROSI

Processo cronico degenerativo che coinvolge l’articolazione del ginocchio che si manifesta clinicamente con dolore, rigidità e limitazione funzionale.

SINDROME DELLA BENDELLETTA ILEO-TIBIALE

È caratterizzata da dolore in sede antero-laterale del ginocchio che si accentua all’inizio della flessione. È frequente nei soggetti che praticano sport come corsa, pallavolo, basket ed è anche conosciuta come “ginocchio del corridore”. La bendelletta ileo-tibiale è il tendine comune di due muscoli: il grande gluteo e il tensore della fascia lata. Si inserisce sulla parte esterna della tibia, subito al di sotto dell’articolazione femoro-tibiale.

 Sono fattori predisponenti:

– varismo del ginocchio; 

– varismo della tibia; 

– malformazioni, anche modeste, dei condili femorali;

– differente lunghezza degli arti inferiori;

– piede pronato.

Condizioni che favoriscono l’insorgenza del disturbo sono: 

– calzature non adeguate;

– terreno di allenamento irregolare e duro;

– stretching insufficiente;

– eccessivi carichi allenanti.

Approfondimenti correlati

SINDROME DELLA BANDERELLA ILEOTIBIALE
di Francesco Tomasello

SINDROME FEMORO-ROTULEA

Sindrome clinica caratterizzata da dolore nella parte anteriore del ginocchio legata alla disfunzione dell’articolazione tra rotula e femore. Può essere mono o bilaterale. La biomeccanica femoro-rotulea può essere perturbata in presenza di alterazioni della forma della rotula, o in caso di displasia o ipoplasia rotulea oppure in casi in cui il femore risulta ruotato verso l’interno o la tibia verso l’esterno; in presenza di ginocchio valgo, piede pronato, oppure nei casi di un non corretto sviluppo del femore (detto “aplasia dei condili femorali” ) che comporta uno “scorrimento” anomalo della rotula con tendenza alla lussazione, spesso laterale.

Altre cause possono essere:

– una sofferenza della cartilagine di rivestimento di femore e rotula;

– deficit muscolare del vasto mediale obliquo rispetto al vasto laterale del quadricipite femorale;

– retrazione della bendelletta ileo-tibiale, del legamento alare esterno del ginocchio, del bicipite femorale.

TENDINITE ROTULEA O JUMPER’S KNEE

È un processo infiammatorio che interessa il tendine rotuleo. Esso si estende tra il polo inferiore della rotula e la tuberosità tibiale. Questa patologia, nota come “ginocchio del saltatore”, è particolarmente frequente in chi svolge attività sportive che necessitano di contrazioni del muscolo quadricipite femorale ripetitive ed eccentriche come il basket, la pallavolo, il calcio, l’atletica leggera, il sollevamento pesi.

Il sintomo principale è il dolore nella parte anteriore del ginocchio che si presenta inizialmente dopo uno sforzo prolungato e tende a scomparire dopo un periodo di riposo. Il più delle volte, il dolore compare quando il soggetto resta troppo tempo nella stessa posizione, ad esempio seduto con il ginocchio flesso. In fase cronica, il dolore persiste anche a riposo e porta ad una grave limitazione funzionale. 

Condizioni predisponenti sono:  

– malallineamento femoro-rotuleo;

– squilibrio muscolare dei muscoli stabilizzatori del bacino e degli arti inferiori;

– retrazione dei muscoli posteriori della coscia (ischiocrurali) che porta un eccessivo sovraccarico al muscolo antagonista (quadricipite femorale);

– deficit di elasticità muscolare del quadricipite.

Fattori scatenanti possono essere l’utilizzo di calzature non idonee o attività su superfici dure.

TENDINITE DELLA ZAMPA D’OCA

È un’infiammazione del tendine comune dei 3 muscoli della coscia (sartorio, gracile e semitendinoso), che ricorda l’aspetto della zampa dell’oca (da qui il nome). Si manifesta con dolore alla parte interna del ginocchio, in particolare quando si scendono le scale. Il dolore può anche essere notturno e può associarsi a rigidità mattutina.

La tendinite a zampa d’oca è più frequente nelle donne, specie se in sovrappeso, con diabete e artrosi di ginocchio. Si può definire una patologia da sovraccarico.

Sono condizioni predisponenti:

 • retrazione dei muscoli posteriori della coscia;  

• ginocchio valgo;

• piede piatto.